Disabilita preloader

LIBERA CIO’ CHE SEI

on line e in presenza

8 INCONTRI CHE CAMBIERANNO LA TUA VITA!

Siamo completi solo se conosciamo e riconosciamo la nostra ombra

COSA C’E’ DENTRO LE EMOZIONI – IMPARIAMO A CONOSCERLE

Le emozioni ci ricordano che non siamo noi i protagonisti: c’è un lato nascosto che ci può guidare meglio di quanto facciamo.
Noi e l’inconscio, noi e la nostra ombra possiamo camminare mano nella mano.

Le ferite emozionali  sono messaggere dell’inconscio, sono una guida per ritrovare la strada verso i nostri reali talenti.

Il nostro mondo invisibile, condiziona  tutte le relazioni , le attività quotidiane e i nostri  progetti.
E’ fatto di emozioni, sensazioni, simboli e parla il linguaggio dell’anima, che è l’unico idioma in grado di aiutarci a liberarci dai condizionamenti e dai nostri blocchi e conflitti, per diventare finalmente liberi di essere ciò che siamo.

Questo per-corso ti permetterà di portare in luce questi aspetti e di renderli visibili, così da poterli contemplare, amare e trasformare nei tuoi più potenti alleati.

8 Incontri : uno al mese dalle 20.45 alle 23.00  ON LINE E IN PRESENZA !

  • Partecipazione: aperta a tutti
  • Insegnanti: Flavia Postal – Chiara Belloni
  • Iscrizione obbligatoria
  • Costo 60€ a incontro compresa Acqua d’Unione 

 

Primo incontro ottobre: lunedì 11 ore 20,45 on line – sabato 9  ore 15,00 in presenza
Ferita emozionale del Rifiuto.
E’ una ferita molto profonda, che può verificarsi anche in epoca preuterina. E’ legata al distacco dal presente, e rende difficile e faticosa qualunque situazione. Capita anche a te di far fatica per raggiungere un obiettivo o di intraprendere molte attività, senza portarne a termine alcuna? In questa lezione comprenderai la reale natura di questa ferita e il meraviglioso talento che porta in dono.

Secondo  incontro novembre: lunedì 15  ore 20,45 on line – sabato 20  ore 15,00 in presenza

Ferita emozionale dell’Abbandono.
Questa è la ferita più diffusa nel genere umano. Cominciamo a conoscere l’abbandono nel momento in cui veniamo al mondo e viviamo il distacco dalla pancia della mamma. In questa lezione imparerai a riportare la connessione profonda dentro te stesso e a riportare equilibro in questo aspetto.

 

Terzo  incontro dicembre: lunedì 13  ore 20,45 on line – sabato 18  ore 15,00 in presenza

Ferita emozionale del Tradimento.
Ogni volta che fai qualcosa contro voglia o spinto dal bisogno di essere amato ed  accettato, compi un grande tradimento verso te stesso. In questa lezione imparerai a concederti di dire di no e imparerai ad ascoltare e rispettare il tuo sentire. A riconoscere se la tua accondiscendenza è frutto del desiderio dell’anima o dettata da un bisogno.

 

Quarto incontro gennaio: lunedì 10  ore 20,45 on line – sabato 15  ore 15,00 in presenza

Ferita emozionale dell’Ingiustizia.
Questa ferita è dettata dalla grande dicotomia che porta il giudizio. Siamo nel mondo della dualità, dove ogni aspetto può essere riconosciuto solo attraverso il proprio opposto. in questa lezione imparerai che è possibile andare oltre il giudizio, dettato dalle convenzioni sociali e riscoprirai il meraviglioso dono della Fiducia.

 

Quinto incontro febbraio 2022: lunedì 7 ore 20,45 on line – sabato 12  ore 15,00 in presenza

Ferita emozionale della Solitudine.

La solitudine è uno stato particolare che genera molteplici e le più disparate emozioni. L’uomo è un essere sociale e in ciò è presupposta la propria sopravvivenza, ecco perché la solitudine fa paura. Ma esiste una solitudine necessaria e salvifica, che diventa un passaggio fondamentale per riuscire a far germogliare la gratitudine profonda verso la vita, in ogni suo aspetto

Sesto incontro marzo 2022: lunedì 7  ore 20,45 on line – sabato 12  ore 15,00 in presenza

Ferita emozionale della Vergogna.
Nel nostro mondo bisogna essere conformi ai canoni dettati dalla cultura del momento. Essere o sentirsi “diversi”, al di fuori degli schemi, genera spesso un disagio nelle relazioni, che ha origine nella ferita della vergogna, così antica da risalire addirittura alla cacciata dal Paradiso Terreste di Adamo ed Eva. In questa lezione imparerai a recuperare la saggezza di una nuova visione.

Settimo incontro aprile 2022: lunedì 4  ore 20,45 on line – sabato 9  ore 15,00 in presenza

Ferita emozionale della Perdita del Senso della propria Vita.
Quando tutto ci sembra perduto e privo di senso, privo di scopo, quando ci sembra di non avere la forza per andare avanti, diventa ancora più forte il richiamo della tua Anima, della tua forza vitale che ti spinge a guardare oltre l’inganno creato dalla mente, per portarti alla tua Realizzazione. In questa lezione risveglierai il ricordo della tua vera natura, una natura divina e ricorderai chi sei: un essere divino su questa terra.

Ottavo incontro maggio 2022: lunedì 9  ore 20,45 on line – sabato 14  ore 15,00 in presenza

Ferita emozionale della Separazione.
Questa ferita ha il compito di risvegliare la tua capacità di introspezione, come unica via per ritrovare l’Unione con le forze misteriose della natura. Solo nel riconoscimento di queste forze come parti di te, distinte ma non separate da te, puoi diventare consapevole che al di fuori di te non esiste nulla e tu sei contemporaneamente te stesso e l’esperienza stessa della vita.

SONO I SENTIMENTI REPRESSI E I TRAUMI CHE CI INVITANO A INTRAPRENDERE IL VIAGGIO

Il Viaggio è una chiamata verso i Misteri dello Spirito, il richiamo verso la scoperta di un mondo che sappiamo esistere al di là delle apparenze illusorie e delle convenzioni sociali

La paura è la gabbia e la ragione per la quale ci barrichiamo entro i confini del nostro io, la paura è l’anima dell’ego. FARE IL VIAGGIO significa distruggere la gabbia dell’identità mentale per immergerci nell’oceano del potere naturale.

La ragione per cui sei nato/a, è scritta nel tuo cuore,
la ragione del tuo dolore è il canto della tua Anima che fiorisce da quella ferita..

Vivi per quello che sei, con la tua voce, in questo istante, senza volerla modificare di una virgola. Canta la tua gioia o urla la tua rabbia. Qualsiasi cosa va bene. Vivi quello che vivi, adesso, non cercare di modificare niente, ciò che sei è perfetto.  Tu sei perfetto così come sei, senza aspirare a nessun ideale ( soprattutto spirituale che è l’antitesi dell’essere ciò che sei ). Lavora solo e soltanto su questo: sull’essere te stesso, pienamente, intensamente, completamente te stesso, senza aggiungere a ciò nessun dio, nessuna qualità, nessun ideale, solo e soltanto divinamente te stesso. Questo ti fa divino, non l’aspirare a dio.

TESTIMONIANZE:

Pietro, 60 anni 

“Un corso” …è molto riduttivo definire questa “cosa” un corso. È parecchio più di questo. Per me è stato ascolto di esperienze, condivisione, raccontarmi, sognare tanto, sentirmi agitato, svegliarmi di notte e ringraziare Saturno, così… Passare 4 o 5 giorni con Giove sulla groppa, e non è proprio leggero. Sognare, sognare, sognare, io che non ne ricordo quasi mai uno…per accorgermi che poi qualcosa cambia, nei miei modi soprattutto. Mano a mano mi sento meglio o forse solo più “intero”. La sensazione che passa, giorno dopo giorno, è che questo è un metodo che funziona.  Per chi, come me, aveva già provato la potenza delle acque è stata una conferma, ma ora avviene in un contesto di maggiore consapevolezza e anche di scambio. I rituali, importanti e qualcuno anche bellissimo, che ti fa proprio bene. I racconti delle persone…le voci, la leggerezza con cui si può parlare di cose che nella vita di ognuno possono essere pietre al collo, fino a che ci si accorge che queste pietre possono anche galleggiare nell’aria sopra di noi e qualcuna anche sciogliersi nell’aria. Questo “corso” lo si può fare e anche rifare. Non è noioso, non è lagnoso, non è pieno di piagnoni, non ti dà un guru inarrivabile da seguire ed ammirare. È pieno di persone speciali come noi che è bello conoscere e di persone che davvero ti portano quel che hanno per aiutarti “a fare il tuo pezzo”. Senza spocchia e senza giudizio. Io sono stato in presenza, in registrata e anche in diretta on line. In definitiva è proprio bello e fa un gran bene.”

Claudia, 52 anni, imprenditrice
“Più che di un corso si tratta di un’opportunità: l’opportunità di conoscere meglio sé stessi durante un lungo percorso in cui ci si confronta, volta per volta, con le proprie emozioni, che pian piano impariamo a conoscere e ad ascoltare. Poniamo attenzione all’effetto che hanno su di noi e di conseguenza sulla nostra vita. Capiamo durante il percorso con quali siamo più in armonia e con quali invece siamo in conflitto, abbiamo l’opportunità di richiamarle ed osservare come influenzano le nostre azioni e i nostri sogni. Siamo esseri composti da infiniti aspetti e questo corso ci aiuta conoscerne sempre di nuovi. Avere poi l’opportunità di fare tutto ciò con un gruppo di persone che hanno voglia di crescere, rende il cammino più piacevole e stimolante.”
Lorena, 47 anni, libera professionista

“Un corso che non volevo nemmeno fare..troppe cose avviate ed ero senza soldi. Poi, una magia, e tutto è andato al posto giusto e ho detto sì. Percorso impegnativo nel quale è arrivato il perdono verso me stessa, nel quale scopri che tutto è più semplice. Arrivano compressioni inaspettate e ..da lì hai la forza e il coraggio di manifestarti..di concludere altri cicli avviati da anni..di dire sì ancora e darti. La sacralità dei riti mi ha fatto comprendere quanto immenso è il dono del vivere felici e il sapere di non essere soli ed essere sostenuta ti regala doni infiniti…grazie per aver permesso tutto questo…

Angela, 58 anni, impiegata

“Un pezzetto di vita consapevolmente vissuto dentro di me. Otto mesi  di attenzione e amore a ferite e doni della mia anima. Un richiamo della mia anima in un mondo che ci insegna a guardare fuori e non trovare il tempo per fermarti e percepire ciò che senti. Bella la condivisione con i compagni di percorso. Meravigliose le insegnanti”

 

Paola, 48 anni, impiegata

“Ho iniziato questo percorso senza aspettative e sinceramente non avrei mai immaginato si rivelasse così importante per il mio cammino.Viviamo sempre di corsa, travolti dagli eventi della nostra vita, senza paracaduti e sostegni. Questo corso ci permette (in un lasso di tempo generoso) di focalizzarci su una ferita alla volta, quindi diventa più semplice indirizzare l’attenzione e cogliere tutte le sfumature di quella ferita che stiamo vivendo… tutto si muoverà attorno a quell’energia e ci darà la possibilità di fermarci un po’ di più e prenderci il nostro spazio per vivere quel momento che ci arriva per fare luce e farci riscoprire cosa si cela dietro. Questa è un’opportunità per qualsiasi persona (agli inizi del suo nuovo percorso di riscoperta o già in cammino da anni come ero io), la mente riceve informazioni e si schiarisce le idee, lo spirito si apre ad osservare e vivere a 360°. Durante questo corso il fatto di essere supportati e accompagnati da Flavia e Chiara è fondamentale e prezioso, ci si può affidare, chiedere chiarimenti e trovare una parola di sostegno. Se la domanda che mi volete fare è: lo consiglieresti questo percorso? La mia risposta è: si assolutamente, lo metterei obbligatorio!! Buon cammino!!”

 

Attraverso l’utilizzo di preziosi strumenti,  rendiamo visibili le emozioni che condizionano il nostro quotidiano.
L’invisibile, diventando visibile, rivela informazioni sconosciute e arricchisce di esperienza colui che le osserva .
Questo fornisce la possibilità di leggere e decodificare nuove informazioni che prendono vita, portando ad accrescere la consapevolezza che quanto c’è di invisibile dentro di noi, e quindi di inconscio, condiziona la nostra realtà.
Da questa nuova consapevolezza giunge inevitabile la trasformazione di ciò che è vissuto come conflitto, nel più potente alleato. E questo è ciò che ci rende liberi di essere ciò che siamo.

La ragione per cui sei nato/a, è scritta nel tuo cuore,
la ragione del tuo dolore è il canto della tua Anima che fiorisce da quella ferita..

 Vivi per quello che sei, con la tua voce, in questo istante, senza volerla modificare di una virgola. Canta la tua gioia o urla la tua rabbia. Qualsiasi cosa va bene. Vivi quello che vivi, adesso, non cercare di modificare niente, ciò che sei è perfetto.  Tu sei perfetto così come sei, senza aspirare a nessun ideale ( soprattutto spirituale che è l’antitesi dell’essere ciò che sei ). Lavora solo e soltanto su questo: sull’essere te stesso, pienamente, intensamente, completamente te stesso, senza aggiungere a ciò nessun dio, nessuna qualità, nessun ideale, solo e soltanto divinamente te stesso. Questo ti fa divino, non l’aspirare a dio.

Richiedi l'iscrizione!